Messaggio dalle grandi imprese sulla pandemia del coronavirus: Salvare i profitti, non vite umane

Andre Damon
31 marzo 2020

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in inglese il 24 marzo 2020

Mentre la pandemia del coronavirus continua a diffondersi in tutto il mondo e i casi segnalati negli Stati Uniti aumentano ad un ritmo più elevato di qualsiasi altro paese, una linea definitiva sta emergendo dalla classe dirigente americana: «La cura è peggiore della malattia.» In altre parole, la vita di milioni di lavoratori deve essere sacrificata nell’interesse del profitto aziendale.

«Non possiamo permettere che la cura sia più distruttiva del problema stesso», ha dichiarato Trump su Twitter domenica sera. «Alla fine del periodo di 15 giorni [che è iniziato una settimana fa], prenderemo una decisione sulla strada da seguire».

Alla sua conferenza stampa di lunedì, Trump ha detto di voler la riapertura delle aziende americane nel giro di «settimane, non mesi...” specificando: “A un certo punto, dobbiamo aprire e dobbiamo muoverci. Non vogliamo perdere queste aziende...».

Minimizzando il significato della pandemia, che sta già travolgendo i sistemi sanitari negli Stati Uniti, Trump ha aggiunto: «Abbiamo una stagione influenzale molto attiva, più attiva della maggior parte dei paesi... Se per esempio si osservano gli incidenti automobilistici, il numero di decessi è comunque maggiore di qualsiasi altro numero di cui stiamo parlando. Questo non significa che diremo a tutti i cittadini di non guidare più automobili. Quindi bisogna trovare una soluzione e riuscire a fare qualcosa per aprire il nostro paese».

Se milioni di persone muoiono, così sia. È un costo necessario per fare affari. Così dichiara l’oligarchia corporativa e finanziaria. Lloyd Blankfein, ex amministratore delegato di Goldman Sachs, ha esposto su Twitter la necessità «entro poche settimane di far tornare a lavoro chi ha un rischio minore di contrarre la malattia».

Un autolavoratore prepara un telaio per ricevere un motore su un nuovo autocarro Ford F-150 in lega di alluminio presso lo stabilimento di assemblaggio di Kansas City a Claycomo, Mo. (Foto AP/Charlie Riedel)

Queste dichiarazioni sono arrivate lunedì, non appena Wall Street ha subito un’ulteriore caduta, scendendo ai livelli più bassi da quando Trump è stato eletto nel 2016, nonostante l’infusione di somme illimitate di liquidità ai mercati finanziari da parte della Federal Reserve statunitense.

La mossa della classe dirigente di porre rapidamente fine alle restrizioni sulle operazioni commerciali per rilanciare Wall Street sfida e ignora le raccomandazioni degli epidemiologi e dei medici. Il New York Times, in un articolo pubblicato lunedì sera, ha scritto che «Trump, i dirigenti di Wall Street e molti economisti conservatori hanno iniziato a chiedersi se il governo si sia spinto troppo in là», anche se «allentare queste restrizioni potrebbe aumentare significativamente il numero di morti per il virus, come ci avvertono i funzionari della sanità pubblica».

Il Times non ha notato, tuttavia, che tra i protagonisti della campagna «back to work» c’è la pagina editoriale dello stesso New York Times, l’organo di informazione del Partito Democratico. L’argomentazione più esplicita per lasciar morire la gente in nome della «crescita economica» è venuta dall’editorialista del Times Thomas Friedman.

In una rubrica pubblicata lunedì, Friedman chiede: «Ma poiché molte delle nostre aziende chiudono e milioni di persone cominciano ad essere licenziate, alcuni esperti cominciano a chiedersi: ‘Aspetta un attimo! Che diavolo stiamo facendo a noi stessi? Alla nostra economia? Alla nostra prossima generazione? Questa cura - anche solo per un breve periodo - è peggiore della malattia?’”

La colonna di Friedman carica una bugia sull’altra.

Bugia n. 1: è impossibile contenere la malattia

Friedman sostiene che i governi dovrebbero abbandonare gli sforzi per contenere la pandemia. Scrive che «in questa fase non c’è modo di evitare il fatto che molti americani stanno per contrarre il coronavirus o lo hanno già. Quella nave è salpata». Cita poi il collega del Times, David L. Katz, che dichiara che «abbiamo perso l’opportunità di contenimento della popolazione».

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’autorità riconosciuta a livello mondiale sulle malattie infettive, è stata chiara sul fatto che l’abbandono degli sforzi di «contenimento» di COVID-19 è inappropriato e inaccettabile. «L’idea che i paesi debbano passare dal contenimento alla mitigazione è sbagliata e pericolosa», ha detto il direttore generale dell’organizzazione, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Il tasso di fatalità di COVID-19 varia da paese in paese. In Corea, dove una vasta parte della popolazione ha effettuato il tampone e sono state messe a disposizione ampie risorse per curare la pandemia, il tasso di mortalità è dell’1,2 per cento. In Italia, dove il sistema sanitario è sopraffatto dalla malattia, il tasso di mortalità è del 9,4 percento e cresce di giorno in giorno.

Sulla base di questa gamma di possibili esiti, la proposta di Friedman di consentire alla maggior parte della popolazione di essere infettata dal COVID-19 verrebbe acquistata con un numero di vite compreso tra un milione e 18 milioni.

Bugia n. 2: la distanza sociale non salva le vite

Friedman fa un passo ancora più riprovevole, non solo sostenendo contro gli sforzi per contenere la pandemia attraverso la ricerca di contatti, l’isolamento e la quarantena, ma chiedendo la fine delle misure di allontanamento sociale in nome della conservazione dell’»economia».

Friedman sostiene che «i governatori e i sindaci, mandando tutti a casa per un periodo non specificato, avrebbero potuto in realtà aumentare i pericoli di infezione per i più vulnerabili».

Questa è l’ennesima affermazione falsa e infondata, totalmente in contrasto con la guida dell’OMS, che ha approvato l’allontanamento sociale come necessario per salvare vite evitando di sovraccaricare gli ospedali.

Bugia n. 3: salvare vite «distruggerà leconomia»

Friedman continua: «Ma dobbiamo anche chiederci - con altrettanta urgenza - se possiamo... massimizzare le possibilità per il maggior numero possibile di americani di tornare al lavoro in sicurezza il prima possibile. Un esperto di cui parlo di seguito ritiene che ciò potrebbe avvenire già in poche settimane».

Quell’»esperto» è il Dr. David L. Katz, le cui opere pubblicate includono Dr. David Katzs Flavor-Full Diet: Use Your Tastebuds to Lose Pounds and Inches with this Scientifically Proven Plan (La Dieta a pieno gusto del Dr. David Katz: Usa le tue papille gustative per perdere chili e centimetri con questo piano scientificamente provato). Katz ha promosso la scienza ciarlatana dell’omeopatia e della «medicina energetica», dichiarando che la professione medica dovrebbe abbracciare «un concetto più fluido di prova». L’oncologo chirurgo David Gorski ha sostenuto che Katz è specializzato nel cercare «di ‘integrare’ la pseudoscienza con la scienza, il senza-senso con il senso e la ciarlataneria con la medicina reale».

In una precedente rubrica del Times, Katz ha sostenuto che «la maggior parte della società deve tornare alla vita normale e forse impedire il crollo di vasti segmenti dell’economia. I bambini sani potrebbero tornare a scuola e gli adulti sani potrebbero tornare al lavoro. Teatri e ristoranti potrebbero riaprire».

Friedman, citando Katz, sostiene «come per l’influenza, la stragrande maggioranza la supererà in pochi giorni, un piccolo numero richiederà il ricovero in ospedale e una piccolissima percentuale tra i più vulnerabili morirà tragicamente».

Infatti, l’attività economica necessaria al funzionamento della società può essere sostenuta in condizioni di sicurezza con un massiccio investimento in infrastrutture. Tutta la produzione non essenziale può essere interrotta per un periodo di tempo necessario a contenere la pandemia. Tuttavia, questo richiede che il principio che determina tutte le azioni dei governi - gli interessi di profitto dei ricchi - sia eliminato da ogni considerazione.

Le dichiarazioni di Katz e Friedman sono state condannate dai principali epidemiologi. In una lettera al Times, un gruppo di quattro epidemiologi di Yale, Sten H. Vermund, Gregg Gonsalves, Becca Levy e Saad Omer, ha attaccato Katz, il quale «suggerisce che la comunità globale stia reagendo in modo eccessivo a Covid-19», dichiarando che «è favorevole a lasciare che la pandemia faccia il suo corso».

Gonsalves, professore assistente di epidemiologia a Yale, che ha passato decenni ad effettuare ricerche sulle malattie infettive, è stato ancora più diretto su Twitter, dichiarando che né il redattore dell’op-ed del New York Times Jim Dao né il redattore della pagina editoriale James Bennet hanno avuto l’idea di «parlare con un epidemiologo di malattie infettive delle loro teorie prima di pubblicare questa spazzatura irresponsabile».

Ha scritto che gli articoli di Katz e Friedman «stanno andando a minare gli sforzi per la salute pubblica con solo fumo in mano, sulla base di nessuna prova, nessuna analisi, punto».

Continuava: «Nella @WhiteHouse abbiamo @realDonaldTrump che ne sta combinando di tutti i colori per quanto riguarda l’epidemia, @nytimes abbiamo intitolato gli uomini della classe medio-alta che sanno poco più di quanto sappia il Presidente e come lui, amano dire tutto ciò che gli passa per la mente. Dovreste vergognarvi di voi stessi: @DrDavidKatz @tomfriedman @jimdao & @JBennet.»

Il New York Times promuove deliberatamente la scienza ciarlatana durante una pandemia mondiale in corso e mette a rischio delle vite. Queste azioni hanno un preciso contenuto sociale. Come Trump, la preoccupazione principale del Times è quella di riaprire le imprese e di aumentare il valore del mercato azionario, ad ogni costo. Se ciò significa che i lavoratori costretti a lavorare in condizioni pericolose «moriranno tragicamente», così sia.

C’è una logica alla base di questo processo. L’immissione massiccia di credito nel sistema finanziario deve essere sostenuta dall’estrazione di plusvalore dalla classe lavoratrice.

L’abolizione delle quarantene obbligatorie farà ben poco per indurre le persone a fare acquisti e ad andare al ristorante. Ma non lavorare sarà trattato come una decisione individuale, rendendo inammissibili le assicurazioni contro la disoccupazione ed i rifiuti da parte dei lavoratori di lavorare in condizioni non sicure.

Fin dall’inizio, la classe dirigente ha visto la pandemia non come una questione di salute pubblica, ma come un potenziale impedimento per generare profitto. La sua unica preoccupazione è stata il modo in cui la crisi avrà un impatto sugli obiettivi da raggiungere. Ora che si è assicurata un massiccio salvataggio da parte del governo, la classe dirigente vuole assicurarsi che il business torni alla normalità.

Questa forma di eutanasia socialmente sanzionata ha un carattere decisamente fascista, non dissimile dall’argomentazione dei nazisti secondo cui i disabili erano elementi «indesiderati», i quali dovevano essere eliminati. Di fronte alla più grande crisi del capitalismo americano, la classe dirigente si sta rivelando non solo parassitaria, ma anche omicida.

Questa politica nasce dall’assunto incontestabile che non si possono adottare misure che incidano sul sistema del profitto. Anche nel mezzo di una pandemia globale, che minaccia la vita di milioni di persone, la priorità dei governi mondiali, dei loro ausiliari e dei media è di difendere a tutti i costi la ricchezza della classe dirigente e gli interessi dell’élite finanziaria delle imprese.

Tutte le risorse economiche della società devono essere mobilitate ora per combattere la pandemia, non per salvare Wall Street! La richiesta della classe dirigente che i lavoratori sacrifichino la loro vita e quella delle loro famiglie tornando a lavoro, da realizzare con la forza se necessario, genererà un’enorme opposizione.

Lo sviluppo di un’opposizione di massa alle richieste di Wall Street, dei media e dell’amministrazione e di Trump deve basarsi sulla comprensione che la lotta contro la pandemia, e l’attuazione di politiche per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori, è allo stesso tempo una lotta contro il capitalismo.